Lo ripeto spesso alle mie clienti “Non siamo un solo numero, sarebbe davvero molto riduttivo identificarci con il solo Numero del Destino.”

Spesso, infatti, è il numero più conosciuto, anche perché è il più facile da calcolare (è dato dalla somma della nostra data di nascita), ma, come non ci identifichiamo solo nel nostro segno/ascendente all’interno del Tema Natale Astrologico così non siamo solo il nostro Numero del Destino.

Scrivo spesso di Numerologia perché credo sia uno strumento fondamentale per la conoscenza di sé, non solo in relazione di sé stessi ma in relazione di sé con il mondo e quindi con gli altri.

La Numerologia infatti ci permette di inserirci nel contesto del Sé e nel contesto in cui viviamo attraverso nuove consapevolezze.

In questo articolo, che ho scritto per Sisbio, Società italiana di Scienze Bio-Naturali, spiego che cos’è la carta Numerologica, oggi invece voglio rispondere a una delle domande che mi viene fatta più spesso, specie da chi non conosce la Numerologia, “Perché farmi fare il tema Natale?”

La Mappa Numerologica è un importante indicatore che ci mette in relazione con il nostro mondo emotivo, è come se, in un certo senso, ci dessimo il permesso di diventare “caronti” della nostra interiorità e navigando queste acque potessimo finalmente rispondere alla domanda “Chi sono?” e “Cosa faccio su questa terra?”.

Pitagora, a cui si deve la paternità della numerologia, era ben consapevole che i Numeri sono energia e che quindi, sono vibrazioni strettamente connesse con il Tutto.

I Numeri sono alla base di tutto, perciò non è affatto strano indagarne il valore, per capirne il significato all’interno di un contesto e quindi anche riguardo alla propria persona.

In ogni numero è contenuta una serie di informazioni, quindi leggere i Numeri significa leggere che tipo di energia c’è nella persona, e come quella stessa persona può lavorare con questa energia per far si che i venti sia ad essa favorevoli.

Il che non significa evitare problemi o sofferenze ma trovare la modalità di risoluzione più consona alle proprie predisposizioni e quindi alla propria energia.

Il nome e il cognome vengono, letteralmente tradotti, attraverso una prima analisi con delle tabelle, in Numeri, a cui sono associati degli Archetipi, ovvero delle immagini dell’inconscio collettivo, ma in una seconda analisi, si può andare più in profondità. Immergersi, appunto nelle acque, per scoprire le tendenze, i talenti, le potenzialità, ma anche i cicli di vita, quindi i momenti più favorevoli e le affinità con altri individui.

Come nella Naturopatia ci sono tre livelli, fisico, emotivo-emozionale, energetico, così nell’uomo ci sono tre livelli, che ci permettono di fare analisi differenziate, poiché, scopriremo, dentro a un numero si nasconde un altro numero, dentro a delle potenzialità si nascondono altre potenzialità, in un susseguirsi crescente di conoscenze e quindi di evoluzione.

Si parte sempre dal significato nudo dei numeri semplici per poi scendere più in profondità, per andare oltre sono infatti necessarie le basi, come quando si costruisce una casa, senza solide fondamenta sarà difficile arrivare al tetto.

Farsi fare la carta numerologica è elaborare delle tecniche che ci permettano di trasformare i dati in informazioni utili per il nostro cammino evolutivo.

È qualcosa di strettamente matematico ma anche di estremamente irrazionale, poiché fare una carta numerologica significa percepire la simbologia del numero e l’energia che il numero contiene.

È integrare scienza e spirito, cercando di comprendere che non sono affatto contrapposti ma piuttosto interindipendenti l’uno dall’altro, come lo Yin e lo Yang.

Farsi leggere i numeri significa penetrare dentro di essi per osservare quanta armonia, bellezza, energia c’è in essi.

Farsi fare la carta numerologica significa innamorarsi dell’energia dei propri numeri, penetrando dentro di essa, come in un viaggio mistico di ricerca, come il viandante lungo la via.

Lo scopo della carta numerologica è la conoscenza che vuole portare alla meraviglia, allo stupore e in qualche modo all’illuminazione di se stessi come di individui, connessi con il Tutto.

Infine farsi fare una carta numerologica significa riconoscere i numeri per ciò che sono ovvero le fondamenta della nostra casa, per costruire con mattoni solidi le mura della conoscenza di noi stessi.

In un’analisi comparata a ogni Numero è associato un colore, una Divinità, una lettera cabalistica e una lama dei Tarocchi.

Vuoi scoprirle?

Scarica le corrispondenze qui!

Evviva voglio le corrispondenze!